laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Ucciso per errore da un collega: carabiniere muore in caserma durante esercitazione

Share
Carabiniere morto durante un'esercitazione: l'arma doveva essere scarica

Il militare è stato colpito da un colpo sparato accidentalmente da un collega durante un'esercitazione all'interno della caserma Montello di via Vincenzo Monti.

Per 40 minuti hanno provato a rianimarlo sul posto ma Vizzi è morto una volta arrivato al Policlinico.

Anche se a quanto ricostruito dagli stessi carabinieri si tratta di un avvenimento di natura chiaramente accidentale, sono in corso le indagini e gli accertamenti del caso.

"Andrea Vizzi era impegnato in un'operazione di addestramento in cui interpretava il ruolo dell'aggressore, era uno scenario con un soggetto con problemi psichici armato di coltello". La famiglia ha saputo della tragedia dai carabinieri della compagnia di Maglie, in provincia di Lecce. E' morto durante il trasporto in ospedale.

Il militare che ha sparato è un brigadiere con una lunga esperienza nelle Api, è entrato nella squadra d'élite nel febbraio 2016 (la fondazione delle Api è del dicembre 2015). L'incidente è avvenuto attorno alle 18, il gruppo si trovava in un'area di addestramento ricavata nella zona dei garage della caserma, stava mettendo a punto delle tecniche di intervento speciale.

Il carabiniere Andrea Vizzi era in servizio da dieci anni, aveva trascorso un periodo di servizio alla stazione Arese prima di entrare a far parte delle unità Antiterrorismo.

L'appuntato non indossava il giubbotto anti proiettile quindi si presume che l'incidente sia avvenuto al termine dell'esercitazione, comunque in fase di riposo. Il collega è ricoverato in stato di choc al San Carlo.

L'appuntato non era sposato e non aveva figli.

Share