laprovinciadelsulcis.com

Intrattenimento

Maroni verso la rinuncia alla ricandidatura per le Regionali in Lombardia

Share
Lombardia, Maroni lascia?

La Lega certamente non vuole rinunciare alla Lombardia e ha già proposto il nome di Attilio Fontana, ex sindaco di Varese, ponendo il veto su Mariastella Gelmini, esponente di Forza Italia. Maroni ha smentito nelle settimane scorse di essere interessato a una candidatura in Parlamento.

Nella conferenza stampa post Giunta, il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni ha ricordato i principali della X Legislatura. Fontana viene definito da alcuni colleghi di partito come un leghista "di centro", capace cioè di avere buone relazioni di governo senza però dimenticare il territorio da cui proviene.

Ancora non chiare le motivazioni personali che spingono l'ex ministro dell'Interno a non ricandidarsi a Palazzo Lombardia per "motivi personali". La sua 'storia d'amore' con la politica dura da 25 anni ed è "come tutte le storie d'amore che non finiscono mai". "Le decisioni che Salvini ha preso possono essere discusse e discutibili e io le accetto e condivido per principio". Maroni e' dialogatore e dialogante, potrebbe stabilire anche un ponte con il Pd.

"Sulle regionali - si legge nel comunicato congiunto - la coalizione conferma che si presenterà con candidati comuni e condivisi". Si profila a questo punto, dato che si è dichiarato "a disposizione della politica e del partito", un ruolo di primo piano per lui nel governo di centro-destra che potrebbe uscire dalle urne. La disponibilita' del governatore lombardo e' quella relativa a uno scenario nazionale: "Ho preoccupazione- dice- che Di Maio possa assumere un incarico di governo, Di Maio che Maroni considera "la Raggi al cubo". Non ho pretese e non ho richieste ma sono a disposizione, lo lascerò decidere a chi dovrà decidere".

L'indiscrezione è stata adesso confermata: Roberto Maroni non si ricandiderà alle prossime elezioni regionali lombarde. Ci tiene anche a spiegare che eventuali dissidi con il suo segretario non c'entrano sulla con la sua scelta. "Rappresenterà comunque ciò che con le nostre idee e le nostre energie siamo impegnati a cambiare e a #faremeglio". Non nego che l'election day favorisce. Era in vacanza in Russia con i figli, è tornato subito e mi ha detto: "Me la sento, sono onorato è una bellissima sfida".

Share