laprovinciadelsulcis.com

Intrattenimento

Lombardia: Altitonante (Fi), Fontana ottimo candidato di centrodestra

Share
20180112_123304_522505A5

Roberto Maroni conferma: non si ricandiderà al le prossime elezioni in Lombardia.

Per Maroni futuro a Roma? "E' una decisione che ho preso sulla base di valutazioni personali", ha spiegato Maroni, in una conferenza stampa in cui ha tracciato il bilancio di cinque anni di governo che, ha sostenuto, si concluderanno "in bellezza" con la chiusura dell'accordo col governo sull'autonomia.

"Continuerò a fare il governatore fino al passaggio di consegne" ha affermato poi il presidente uscente, parlando di "scelta fatta in piena autonomia" e "condivisa con il segretario Salvini e con Berlusconi alcuni mesi fa". La Lombardia oggi, grazie anche al nostro lavoro, è tra i primi territori europei ed è il traino principale per tutta l'Italia.

Roberto Maroni è il candidato di fatto del centrodestra.

Maroni, in caso di vittoria del centrodestra, resterà "a disposizione della Lega" come ministro o, addirittura come premier, vista l'incandidabilità di Silvio Berlusconi. "Per quanto riguarda la Lombardia, se davvero il presidente Maroni per motivi personali non confermasse la disponibilità alla sua candidatura, verrebbe messo in campo un profilo già comunemente individuato". Come pubblicato ieri, domenica 7 gennaio, in anteprima sul sito della Voce, sembrerebbe anche confermato che lo stesso Roberto Maroni abbia indicato l'ex sindaco di Varese per dieci anni, Attilio Fontana, noto avvocato e fervido leghista, come candidato ideale a succedergli alla prossime elezioni regionali fissate per il giorno 4 marzo contestualmente a quelle politiche nazionali. Conosco - ha aggiunto - la responsabilità di governo e ho una sola preoccupazione: che la possano assumere persone come Di Maio, che è una Raggi al cubo. In realtà, in Lombardia Liberi&Uguali hanno deciso di presentare un proprio candidato (domani l'ufficializzazione del nome a Sesto San Giovanni, alla presenza di Pietro Grasso) e di non sostenere Giorgio Gori. Una sfida tosta, mica una passeggiata, che nonostante i pronostici ho però sempre pensato di poter giocare fino in fondo. E invece non sarà lui - ha scritto su Facebook -. Ieri sera gli ho telefonato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.

Share