laprovinciadelsulcis.com

Sport

Presidenza FIGC: la Lega Pro candida Gravina

Share
Figc Sibilia

Potrebbe esserci anche Claudio Lotito nel novero dei candidati per la presidenze della FIGC. Così Damiano Tommasi sulla possibile candidatura di Lotito alla presidenza della Figc.

Su Totti e Buffon in FIGC: "Credo che per il prossimo presidente federale sia doveroso coinvolgere chi ha vestito la maglia azzurra per tanto tempo". Queste le parole dell'attuale presidente della terza lega tricolore riguardo la sua candidatura: "E' stata approvata la mia piattaforma programmatica". Il primo a varcare gli uffici di via Rosellini è stato il presidente della Lega Dilettanti, Cosimo Sibilia. E ha ragione. C'è il rischio, se non si trova un accordo entro la data delle elezioni, il 29 gennaio, di avere un governo del calcio molto fragile, quello che temeva Giovanni Malagò, che spingeva per il commissariamento (non è del tutto tramontato). Vogliamo vedere le persone, l'affidabilità, la capacità. Altrimenti faremo valere i nostri numeri e le nostre ragioni. "Vicenza Calcio? Non si può parlare solo di fallimento in termine superficiale, molte squadre che sono fallite sono arrivate dalla B". "Serve un presidente forte perché per fare le riforme serve l'appoggio di tutti".

Tommasi e la rivoluzione indispensabile per il calcio italiano. Per potersi candidare, il patron della Lazio ha bisogno del 50% +1 di una componente federale (ovvero al Lega di Serie A). A margine dell'assemblea straordinaria elettiva della Lega nazionale dilettanti il presidente biancoceleste ha infatti rivelato ai giornalisti presenti: "Ho 12 club dalla mia parte. Non siamo noi a determinare il candidato unico, tutti devono dare il contributo per largo consenso". Lotito ha avanzato la candidatura senza mostrare alcuna prova del sostegno ottenuto, e quindi la Lega Serie A non ha espresso un proprio candidato ufficiale.

Share