laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Napoli, 15enne picchiato da baby gang

Share
Baby gang, un 16enne: “Li abbiamo aggrediti perché sono della zona ricca di Napoli”

Un 15enne, residente a Melito, è stato circondato, aggredito e picchiato da un gruppo di una quindicina di giovanissimi. E' accaduto venerdì all'esterno della metropolitana di Chiaiano, alla periferia del capoluogo. Erano in sedici sul motorino, fecero inversione a U e si fermarono appositamente per aggredire due coetanei intenti a mangiare un panino. "Chiedo giustizia" Parla di "assurda e immotivata violenza aggressiva di un branco" il questore di Napoli, Antonio De Iesu. Il ragazzino è stato sottoposto a operazione per l'asportazione della milza.

Nelle parole del 16enne c'è astio e risentimento nei confronti di quei ragazzi definiti "più fortunati" perché vivono in una delle zone più belle della città: "Noi veniamo da zone povere della città, quella sera ci siamo fatti un giro nella zona degli chalet (Mergellina), poi al Vomero, quando quelli ci hanno guardati, è stato istintivo fermarci, ce la siamo presa con loro, sono quelli più fortunati...", le parole riportate da Il Mattino.

Il giovane era in compagnia di due cugini che sono riusciti a rifugiarsi in un bar.

Il questore chiama in causa il contesto ambientale ma anche l'assenza di collaborazione dei cittadini: "Anche questa volta nessuno ci ha chiamato per raccontarci quanto successo". Sull'episodio sono in corso le indagini degli agenti del commissariato di Giugliano.

Attraverso gli organi di stampa locali, la madre del 15enne ha lanciato un appello in cui ha esortato i testimoni dell'aggressione subita dal figlio a farsi avanti per raccontare quello che hanno visto, affinché possano fornire informazioni utili agli inquirenti che sono già sulle tracce del branco artefice dell'ennesimo episodio violento.

Share