laprovinciadelsulcis.com

Sport

Airbag obbligatorio per tutte le prove

Share
MotoGp dal 2018 airbag obbligatorio per tutti i piloti

Per quanto concerne invece i piloti che prenderanno parte al Motomondiale da sostituti saranno esonerati per le prime due presenze, mentre per le wild card non ne sarà obbligatorio l'utilizzo.

PROTEZIONE OBBLIGATORIA Ecco un'altra novità che vede protagonista non solo la MotoGP, ma anche Moto2 e Moto3.

A REGOLA D'ARTE Entrando nello specifico, i sistemi in questione dovranno proteggere almeno spalle e clavicole del pilota, mentre la protezione centrale per la schiena sarà considerata un optional. Se però si sceglierà di avere una protezione posteriore, questa dovrà coprire l'intera colonna vertebrale. Consentite alcune variazioni per adattare le specifiche di ciascun sistema, così come le variazioni per adattarsi alla corporatura di ciascun pilota, ma alcune linee guida dovranno essere seguite da ogni produttore. Punto fondamentale è l'attivazione accidentale che non dovrà impedire al pilota di riuscire a controllare la propria moto. Ogni sistema airbag dovrà superare una serie di prove per dimostrare di rispetto delle norme e standard richiesti.

In ogni singola sessione di attività in pista tutti i piloti dovranno presentare sulle loro tute questo nuovo sistema, che dovrà funzionare perfettamente.

Alcuni piloti utilizzano già da qualche stagione questo sistema, in varie versioni che dipendono dalle caratteristiche decise dal costruttore, ma per la maggior parte sono a carica doppia, cioè: in caso di una prima caduta il pilota può tornare in moto. Queste nuove regole sull'airbag, sottolinea la MotoGp, "sanciscono un altro grande passo nella sicurezza del pilota grazie all'impegno di Dorna, della Fim e dell'Irta verso un Campionato del mondo MotoGp il più sicuro possibile".

Share