laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Vademecum per i sindaci, Serracchiani: "Polemiche politiche, solo regole per incontri formali"

Share
Debora Serracchiani stila un

Il primo a sollevarla è stato Pierluigi Molinaro, sindaco di centrodestra del piccolo comune di Forgaria nel Friuli (Udine), che ha interpretato l'iniziativa come un'offesa tralasciando le regole essenziali del cerimoniale di Stato riportatevi: modalità di esposizione delle bandiere, utilizzo della fascia tricolore, lettere e messaggistica istituzionale, precedenze e piazzamenti a tavola e nelle sedi istituzionali, risentendosi invece per le istruzioni sul vestiario per signore e signori, oppure - giustamente - alle indicazioni sul fatto che non si parla a bocca piena e si mastica con la bocca chiusa.

La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha recentemente inviato ai 216 sindaci e ai consiglieri della Regione un vademecum scritto dai Cerimonialisti italiani.

Uso moderato del profumo, impiego della forchetta per il risotto e cura del proprio aspetto. "Deve arrivare al ginocchio". Le ultime delle 75 pagine dell'Abc si soffermano su aspetti più personali come l'uso delle posate a tavola, l'igiene personale. In tempi di magra poi, meglio non ostentare opulenza e quindi gioielli sobri. Per gli uomini, cravatte sobrie ma soprattutto la pochette non deve avere la stessa fantasia. "Bene i completi sia grigi che blu e pure il gessato (ma a riga stretta); vietato il nero". A patrocinare il libro, la stessa Ancep: "Volevamo estendere la nostra conoscenza a quei sindaci di comuni magari piccolissimi, che si affacciano per la prima volta alle cerimonie istituzionali, per raccontare loro le simbologie della diplomazia", spiega il presidente dell'associazione Leonardo Gambo. E mi raccomando: "niente calzini corti". Tutto nasce all'interno dell'Ancep, l'associazione che riunisce i quasi cento Cerimonialisti italiani, ovvero gli esperti nei protocolli diplomatici e nelle cerimonie dello Stato che lavorano nei palazzi romani, nelle Regioni e nei grandi Comuni. "Questo agile volume, di facile consultazione, è pensato per aiutare a risolvere queste situazioni", scrive Serracchiani nella lettera d'accompagnamento.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Share