laprovinciadelsulcis.com

Sport

Pallotta: "Tutti vogliono lo stadio della Roma tranne i laziali"

Share
LaPresse  Alfredo Falcone

James Pallotta sembra esserci riuscito: il presidente della Roma ha superato gli ultimi intoppi con il Campidoglio e a breve realizzerà il suo sogno di costruire lo stadio di proprietà dei giallorossi.

E parla ancora del nuovo stadio della Roma, un progetto che dovrebbe essere giunto a un punto di svolta (positivo). Secondo il presidente giallorosso, il nuovo impianto è "indispensabile se vuoi essere e rappresentare un brand riconoscibile nel mondo". Ci sarà uno store con la Nike e gli allenamenti della squadra potranno essere effettuati dentro l'impianto, ciò sarà stimolante per i tifosi: sarà importante per loro poter assistere comodamente alle sessioni d'allenamento.

Sull'aspetto della sicurezza: "Nel progettare il nuovo stadio abbiamo fatto ricorso anche alle indicazioni di esperti di sicurezza". Lo stadio sarà tutto esaurito ogni partita. Di cui il patron aveva già accennato mesi fa ("A Roma tutti, a parte Lotito, vogliono questo stadio") e che è tornato in queste ore a rievocare. "Tranne forse i tifosi della Lazio, ma verranno a giocare lì una volta a stagione". Come? Riconoscendo le specifiche di urgenza che permetterebbero di dimezzare i tempi di realizzazione. Ora per il calcio sono fuori di testa. In quest'ottica si spiega il passaggio di Castan ai sardi in prestito secco, un'operazione che aprirà le porte ai giallorossi, che cercheranno di risparmiare qualcosina sui 30 milioni richiesti dai rossoblu per il cartellino di Barella.

Sia Pallotta, sia il DS, vogliono venire a capo di una situazione fino a poco fa inimmaginabile, cercando di capire quali siano stati i fattori negativi che hanno determinato la caduta verticale degli uomini allenati da mister Di Francesco. Infatti, caldi sono i nomi di Bruno Peres (in uscita), Darmian, Juanfran, Manea (in entrata).

Share