laprovinciadelsulcis.com

Esteri

La Guardia di finanza scopre una maxi evasione fiscale per oltre 6milioni

Share
Maxi frode fiscale in Lombardia arresti anche a Parma

Secondo la ricostruzione della Guardia di Finanza, infatti, l'uomo, il cui figlio risulta tra gli arrestati di oggi, avrebbe proposto a clienti di aprire società nel paradiso fiscale di Antarcticland.

Sono complessivamente 25 le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Brescia su richiesta del pubblico ministero Fabio Salamone che ha iscritto nel registro degli indagati 86 persone coinvolgendo 176 società. La frode all'erario ammonta a quasi 1,4 miliardi. Al centro dell'inchiesta c'è lo studio di consulenza tributaria e del lavoro Gesti, che ha sede a Milano: secondo gli inquirenti forniva agli imprenditori interessati diverse soluzioni per non pagare le tasse. I consulenti fornivano ai clienti una vera e propria assistenza frodatoria, fiscale e previdenziale, falsificando le contabilità societarie con fatture inesistenti per creare la provvista Iva da utilizzare per le successive presentazioni d'imposta.

Nell'ambito di indagini di polizia economico-finanziaria svolte dal Gruppo della Guardia di Finanza di Reggio Emilia, è stata individuata e sottoposta a verifica fiscale una società di Reggio Emilia, operante nel settore dell'installazione di impianti elettrici, che nel periodo dal 2012 al 2016 ha posto in essere gravi forme di frode ed evasione fiscale. Per i primi tre, tutti residenti nella bergamasca, si sono spalancate le porte del carcere, mentre per il 77enne lodigiano è stata disposta la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Studio commerciale con pacchetto All Inclusive: 25 arresti Milano. Dall.'alba sono in corso perquisizioni e sequestri di beni per un totale pari a 180 milioni di euro.

Share