laprovinciadelsulcis.com

Affari

Renzi: escludo larghe intese con Cav

Share
20180110_094908_82B51239

Ma l'ha sempre detto - dice Renzi - Avete una passione per i rapporti tra Pd e Berlusconi.

"Mi chiedo come possa Berlusconi negare la realtà dei fatti: per anni s'è scritto che è pericoloso per la democrazia".

Ironica la reazione del segretario del Pd, secondo il quale questa mossa farà perdere al tycoon i voti degli imprenditori, generalmente soddisfatti dal Jobs act che ha cancellato l'articolo 18 introducendo il contratto a tutele crescenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Anch'io -ha proseguito - posso escludere ogni ipotesi di larghe intese.

Renzi sposta l'obiettivo: "Il problema - insiste a Circo Massimo - non è rivedere le tipologie contrattuali ma creare una rete di protezione che ti possa dare una mano, fare formazione". "Sento la responsabilità di restare in campo nonostante la mia veneranda età - ha aggiunto Berlusconi - per garantire agli italiani un governo ragionevole e capace e per non mettere gli italiani nelle mani del Movimento 5 stelle: un partito di incompetenti e inefficienti, una setta teleguidata da un vecchio comico e da un oscuro comunicatore".

Renzi ha poi rivendicato i successi ottenuti dal suo governo grazie al jobs act, non disdegnando l'ennesima punzecchiatura al leader di Forza Italia: "Il jobs actha dato la spinta alla ripartenza, ma non è sufficiente".

L'almeno parziale ripensamento di Di Maio sull'UE e la moneta unica potrebbe essere dovuto all'osservazione della difficoltosa esperienza britannica della Brexit, che nel caso di un'uscita dell'Italia dall'euro sarebbe ancora più complicata.

"Credo che il candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia sarà Attilio Fontana". "La questione del canone mi serve per lanciare il tema dell'evasione fiscale con Berlusconi e Salvini". La motivazione mi colpisce molto: l'asse franco-tedesco è più forte che mai.

Share