laprovinciadelsulcis.com

Salute

Polizia Postale: in aumento i reati on line contro la persona

Share
Mille attacchi cyber a siti istituzioni

Nel corso del 2017 sono state arrestate in Italia 55 persone, sei in Toscana. Il Compartimento emiliano-romagnolo "ha condotto un'indagine che ha portato agli arresti domiciliari un quarantenne che da cinque anni perseguitava con telefonate, messaggi ed e-mail una giovane psicologa/psicoterapeuta residente a Bologna" continua Ceccaroli "la donna, per un brevissimo lasso di tempo, aveva avuto l'uomo come suo paziente".

Nell'ambito della pedopornografia online 87 persone sono state denunciate in stato di libertà. Aumentati anche i casi di cyberstalking e trattamento illecito di dati personali con sostituzione di persona. Nonostante la difficoltà operativa di bloccare e recuperare le somme frodate, soprattutto perché inviate verso paesi extraeuropei (Cina, Taiwan, Hong Kong, Nigeria), la polizia postale ha potuto bloccare alla fonte, su una movimentazione di 340 mila euro, ben 112.196 euro e di recuperarne 70.341. L'operazione in parola ha consentito di identificare 37 money mules di cui 32 arrestati e 5 denunciati, nonché di bloccare oltre 150.000 euro.

Nel settore del cyberterrorismo gli investigatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno concorso con altri organi di Polizia e di intelligence alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di eversione e terrorismo, sia a livello nazionale che internazionale, posti in essere attraverso l'utilizzo di strumenti informatici e di comunicazione telematica. Nell'ultimo anno, la strategia mediatica messa in campo dalle organizzazioni terroristiche di matrice religiosa islamista ha indotto ad una costante attività di osservazione e analisi dei contenuti presenti in rete.

Sono numeri importanti quelli presentati dalla polizia postale nel bilancio dell'attività svolta nel 2017.

Inoltre, per quanto riguarda le attività di prevenzione, si sono avvicendate in Toscana la quarta e la quinta edizione della campagna itinerante "Una vita da social" (marzo e dicembre) sui temi del cyberbullismo e sull'uso corretto dei social network che, oltre a fare tappa a Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Montepulciano, Pistoia, Poggibonsi, San Miniato e Volterra, con il coinvolgimento alcune migliaia di studenti e alcune centinaia di docenti, sono state impreziosite dalla speciale tappa presso l'Istituto Pediatrico Meyer di Firenze.

Oltre mille attacchi informatici a siti istituzionali e piattaforme strategiche di interesse nazionale, su più di 28 mila alert, ma anche 17 mila monitoraggi sul web per individuare minacce provenienti da siti estremisti islamici (4 arresti fra Perugia e Milano con l'operazione Da'Wa), dove è forte il tentativo di radicalizzazione.

Share