laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Ricercato da giugno, arrestato un Casamonica vicino a Roma

Share
Arrestato Guerino Casamonica: Ricercato da giugno è stato fermato mentre andava a messa

L'uomo, Guerino Casamonica, 37 anni, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo investigativo di Frascati mentre si stava recando a messa. Dal mese di giugno, dopo l'emissione da parte della Procura Generale presso la Corte di Appello di Roma che lo condanna a più di undici anni di carcere per sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni personali, l'uomo era sparito dalla circolazione e aveva fatto perdere le sue tracce allontanandosi dalla sua abitazione di Frascati. I Carabinieri del Nucleo Operativo di Frascati, residenza del Casamonica, non hanno mai smesso di dargli la caccia e hanno messo in atto un'intensa attività investigativa focalizzandosi soprattutto sugli spostamenti della moglie e dei due figli. Così dopo settimane e settimane di servizi di appostamento e pedinamento, sono riusciti ad individuarlo con certezza alle porte di Roma.

La vicenda relativa alla condanna risale al marzo 2011 quando aveva sequestrato, insieme a tre complici, un colombiano di 32 anni e un 50enne romano: l'intento era quello di obbligarli a restituire 150mila euro. Erano stati contattati anche i parenti dei due malcapitati, al fine di ottenere il pagamento della prima rata ( di 30mila euro), in cambio della liberazione dei due. Le indagini consentirono di localizzare l'appartamento in zona Anagnina dove, per oltre 2 giorni, erano stati rinchiusi e trattenuti i due. Nel corso del blitz per liberare gli ostaggi non mancarono momenti di tensione in quanto uno dei "carcerieri" era armato di una pistola semiautomatica. I due sequestrati si trovavano all'interno di una stanza appositamente allestita per la loro custodia, avevano vistose ecchimosi al volto e su tutto il corpo causate dalle percosse subite nel corso del sequestro. "Di fronte alla violenza la risposta delle istituzioni è ferma", ha commentato su twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Share