Sport

Infortunio Insigne, si teme stop più lungo

Share
Le parole di Maurizio Sarri nella conferenza stampa di presentazione di Feyenoord-Napoli

Domani non ci sarà Insigne, ma nessuno si lamenta. E dovremo fare bene lo stesso. "Con Guardiola mi scambio dei messaggi - ha svelato Sarri - di calcio in generale, ma l'ultima cosa che farei e' parlare della partita, metterei in dubbio la sua professionalita', offenderei la sua mentalita'".

Una sola (su nove) combinazione possibile di risultati: statisticamente non molte le speranze del Napoli, che stasera si gioca l'accesso agli ottavi di finale di Champions League, non essendo più padrone del proprio destino. Io mi alzo la mattina e voglio vincere le partite.

" 206 punti in 91 partite, una media di 2.27, forse sono diventato un imbecille e Mertens scarso". Sembra che siamo scarsi perché abbiamo segnato meno nelle ultime tre gare. Mi sono sentito in colpa per aver mandato allo sbando i miei ragazzi.

Nasce trequartista. Si specializza come mezzala, il ruolo che ha ricoperto praticamente sempre da quando è a Napoli. "Un mese fa una gara come questa la conducevamo 3-0 dopo 30 minuti, ora dobbiamo pensare a risolvere i problemi che stanno venendo fuori, ma bisogna prenderne atto di averli e fare qualcosa per toglierli". Purtroppo la scansione del calendario un po', probabilmente, ci ha penalizzato. "Ma ora senza Milik non ha senso".

Sull'assenza di Insigne. "Sarei tentato di giocare in 10 per dar ragione a chi dice che non cambio mai". Se c'era Milik sarebbe stato positivo, ci poteva tornare utile venerdì. Eppure in città serpeggia un po' di scoramento per una squadra che, non dimentichiamolo, nonostante la sconfitta con la Juventus resta comunque seconda in classifica ad un punto dall'Inter e ancora con un ruolino di marcia impressionante, con +1 sulla Juve e +4 sulla Roma. Ci ha fatto rabbia perché era una partita importante in cui pensavamo di meritare almeno un pareggio. "Ma i grandi cadono e si rialzano, gli altri no, quindi è un passaggio da fare". Non mi torna che l'abbiamo fatta male, abbiamo fatto un'ottima partita con difficoltà negli ultimi venti metri. "Ma se passano ancora sanno di essere tra le squadre più forti d'Europa". Io non ne parlerei. Dopo la partita loro vanno al ristorante con le mogli, io vado a casa bestemmiare perché non sono riuscito a vincere, a non dormire per due notti. "L'aiuto in certi momenti deve essere anche reciproco".

Share