laprovinciadelsulcis.com

Affari

Valvole nuove termosifoni: si paga pure quando sono spenti

Share
Valvole nuove termosifoni si paga pure

Si legge ancora sul Salvagente.

"Termosifoni che prendono vita in agosto e contabilizzano un consumo inesistente che finisce in bolletta".

Se i tecnici non procedono a riportare a zero i rilevatori prima di riaccendere la caldaia condominiale, dunque, si farebbe bene a segnalarlo e pretenderlo.Si rischia altrimenti di pagare anche per consumi che sono frutto di "allucinazioni" da calore estivo dei contabilizzatori. Il Salvagente lancia l'allarme e dice: "A giudicare da una segnalazione ricevuta dal Salvagente e dalle verifiche che abbiamo fatto, è vero e potrebbe essere successo a milioni di italiani". "La storia inizia dalla lettera del nostro lettore Franco Lodigiani di Melzo nel milanese, che segnala un problema con i ripartitori di calore, le scatoline che vengono attaccate al calorifero, installati in casa sua". A settembre dell'anno scorso, anche nel suo condominio tutti i caloriferi sono stati dotati di valvole.

Il signor Franco Lodigiani ha raccontato la sua scoperta all'associazione dei consumatori fatta lo scorso settembre, quando la scatoletta aveva rilevato 315 scatti, circa 30 euro, cioè il 5% del consumo di un anno, nonostante gli strumenti per la rivelazione dei consumi fossero stati azzerati alla fine dell'inverno.

Dopo aver contattato l'amministratore di condominio visto che i ripartitori nei mesi estivi non dovevano essere in funzione, l'uomo ha consultato anche l'installatore ricevendo come risposta la certezza di essere rimborsato a chiusura esercizio 2017/2018. Questo proprio a causa del meccanismo di funzionamento delle termovalvole, che si basa sulla differenza di temperatura tra il termosifone e l'ambiente domestico. "Se così fosse, ci sarebbe da preoccuparsi".

Facciamo un piccolo passo in avanti poiché di interessante c'è che il mensile ha scoperto le ragioni di questa anomalia che gli italiani stanno pagando a caro prezzo, nel vero senso della parola.

"È normale - ha svelato - la scatoletta bianca misura la differenza di calore del radiatore rispetto all'ambiente, se ho un radiatore che è irraggiato dal sole durante l'estate, e si scalda la piastra d'acciaio, questa diventa cada rispetto all'ambiente, il ripartitore comincia a conteggiare". Ma il lettore si chiede: "Non essendo passato l'addetto a rilevare questi consumi anomali estivi e ad azzerare di nuovo i ripartitori, mi domando come faranno a stabilire anche per gli altri condomini i valori da scontare?". "Che poi prosegue a registrare differenze anche inferiori a un grado". Secondo il presidente della Cna installazione impianti Lombardia, "si può contestare l'amministratore o la ditta responsabile dei termoimpianti per la non regolarità della ripartizione delle spese, e chiedere un rimborso adeguato".

Share