Esteri

Prima della Scala, i consigli per il look perfetto

Share
2-incantesimi-ph-masha-sirago

L'inaugurazione della stagione del prestigioso teatro lirico vede l'opera "Andrea Chénier", poeta francese ghigliottinato durante la Rivoluzione, diretta dal maestro Riccardo Chailly e recitata dalla coppia, sulla scena e nella vita, del soprano russo Anna Netrebko e del tenore Yusif Eyvazov, che interpreta Chénier rivaleggiare per conquistare l'amata Maddalena. Per Radio3 seguiranno la diretta Gaia Varon e Nicola Pedone, mentre in studio a Roma ci sarà Oreste Bossini.

Un evento unico da quasi tre ore di trasmissione in diretta, completa di sottotitoli, per rendere anche la grande musica alla portata di tutti: Rai1 trasmette la diretta della prima della Scala in esclusiva giovedì 7 dicembre a partire dalle 17.45, per la regia televisiva di Patrizia Carmine. Previste dirette, servizi e approfondimenti, con ospiti in studio e dal foyer della Scala, anche su Rai News e il TGR lombardo.

Torna in tv più grande evento culturale dell'anno, la diretta della prima della Scala su Rai1: dopo il grande successo dello scorso anno con oltre due milioni e mezzo di telespettatori per la Madama Butterfly di Puccini, quest'anno è la volta dell'Andrea Chénier, l'opera lirica in quattro quadri di Umberto Giordano, che inaugura la stagione della Scala portando questo capolavoro anche nelle case degli italiani attraverso Rai Cultura.

Giovanni Ciacci esperto di stile, giornalista e volto di Detto Fatto sarà il protagonista della puntata speciale del 7 dicembre che celebrerà la prima del Teatro alla Scala di Milano. Oltre all'Andrea Chénier la stagione di All'Opera prevede dal Teatro alla Scala il Don Pasquale e il balletto Le Corsaire. Le emozioni assorbite dalle tende di velluto, dal legno del palcoscenico, dalle poltrone in platea sono vive ancora oggi e riemergono ogni notte, nel momento stesso in cui le luci si abbassano, il pubblico ammutolisce e inizia lo spettacolo. Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Arturo Toscanini, Maria Callas, Luchino Visconti hanno fondato il mito di un luogo, animato in anni più recenti da artisti come Claudio Abbado e Riccardo Muti, che ancora oggi suscita un senso di sacralità: nel film ce lo raccontano tra gli altri i direttori d'orchestra Daniel Barenboim e Riccardo Chailly, i cantanti Mirella Freni e Plácido Domingo, i ballerini Carla Fracci e Roberto Bolle oltre ai Sovrintendenti Pereira, Lissner e Fontana.

Share