Salute

Ha diffamato Barbara D'Urso, condannata Selvaggia Lucarelli

Share
Selvaggia Lucarelli condannata a risarcire Barbara D'Urso per diffamazione

Barbara D'Urso vince la causa contro Selvaggia Lucarelli. La blogger e conduttrice Selvaggia Lucarelli è "colpevole del reato di diffamazione aggravata" ai danni di Barbara D'Urso, lo ha stabilito, il tribunale di Milano, sezione X penale, in composizione monocratica.

"Il tweet, ultimo di una serie di commenti al vetriolo e sovente di pessimo gusto - ha dichiarato Salvatore Pino, legale della conduttrice di Pomeriggio Cinque - aveva indotto Barbara d'Urso a sporgere una querela che, dopo le indagini svolte dal pm dott". In quell'occasione scrisse che l'applauso che il pubblico delle Invasioni le aveva tributato "ricordava più o meno quello alla bara di Priebke".

A distanza di 3 anni da quelle parole 'forti' sui social, è arrivata la condanna per Selvaggia Lucarelli. La decisione è stata presa dal tribunale di Milano e la popolare conduttrice di Canale 5 ha già fatto sapere che devolverà la somma ricevuta in favore di un'organizzazione sociale. "Gobbis, aveva portato la Lucarelli a giudizio". Nel corso del processo, l'imputata si è sempre rifiutata di porgere le proprie scuse alla persona offesa.

Un commento che il volto Mediaset non aveva per niente gradito e a cui aveva reagito presentando querela.

Barbara d'Urso, difesa dall'avv.

"Al termine del processo, il tribunale, accogliendo le richieste della parte civile, ha riconosciuto l'esistenza della contestata diffamazione aggravata ed ha pertanto condannato Selvaggia Lucarelli alla pena di 700,00 euro di multa, oltre al risarcimento del danno e alla rifusione delle spese legali sostenute dalla persona offesa". 'Il giudice', ha rilevato ancora il legale della D'Urso, 'ha colto la falsità del fatto posto alla base dell'affermazione offensiva ('l'applauso di cui trattasi era obiettivamente caloroso') e la conseguente gratuità e strumentalità dell'attacco della Lucarelli'.

Barbara D'Urso ha comunicato che devolverà il risarcimento alle associazioni che si battono contro la violenza sulle donne. Per la cronaca, è il primo grado e non ho dovuto liquidare la somma, ricorrerò in appello.

Le motivazioni della sentenza che vede Selvaggia Lucarelli condannata per diffamazione saranno pubblicate tra trenta giorni.

Share