laprovinciadelsulcis.com

Affari

Istat, produttività del lavoro dal 1995 al 2016 sotto media UE

Share
Istat, produttività del lavoro dal 1995 al 2016 sotto media UE

In particolare, il gap con le altre economie dell'Unione è conseguenza della ridotta crescita del suddetto valore aggiunto: il dato delle ore lavorate ha infatti avuto un andamento molto simile a quello degli altri Paesi. Lo rileva l'Istat nel report dedicato alla cosiddetta "contabilità della crescita". In Italia la produttività -intesa nel suo complesso, come misura della crescita del valore aggiunto dovuta al progresso tecnico, alla conoscenza e all'efficienza- è diminuita dello 0,4 nel 2016%, dopo gli aumenti registrati sia nel periodo 2009-2014 sia nel 2015.

Scendendo più nel dettaglio, a fare da traino sono stati i servizi di informazione e comunicazione (con un tasso di crescita della produttività del lavoro che si attesta al 2,5% medio annuo), agricoltura (1,7%) e attività finanziarie e assicurative (1,3%). Dato cui si allineavano Germania (1,5%), Francia (1,4%) e Regno Unito (1,5%). Solo la Spagna faceva peggio, anche se di poco, con +0,5%. Il comparto dell'industria in senso stretto ha segnato un incremento medio annuo dell'1 per cento.

Tra il 1995 e il 2016, aggiunge l'istituto di statistica, "la crescita della produttività del lavoro in Italia è risultata decisamente inferiore alla media Ue (1,6%)". Variazioni negative si registrano, invece, per il settore delle attività professionali (-2,4%), per quello delle costruzioni (-1,0%) e per l'istruzione, sanità e servizi sociali (-0,9%).

Share