laprovinciadelsulcis.com

Affari

Honeywell chiude Atessa, il Mise: "Decisione grave"

Share
Fine delle speranze per i 420 lavoratori: a primavera la Honeywell di Atessa chiuderà

La Honeywell, di proprietà di un fondo internazionale, ha annunciato al Ministero dell'Economia e alle parti sociali, che a breve chiuderà il sito industriale di Atessa, lasciando solo un piccolo segmento lavorativo.

E la rezione di Calenda non si è fatta attendere: una nota del Mise dice che "ha ricevuto ieri come previsto i vertici della Honeywell ed ha rinnovato la disponibilità piena del governo a sostenere programmi di investimento in innovazione e ricerca per mantenere l'attività produttiva nello stabilimento di Atessa". Una intera area dell'Abruzzo, la val di Sangro, subirà i contraccolpi generali di questa caduta di reddito e consumi. L'economia abruzzese subisce un colpo duro. "I sindacati, la Regione Abruzzo e il Governo italiano devono a questo punto concordare una strategia per contrastare questa scelta di delocalizzazione della Honeywell che negli anni passati ha avuto dallo Stato italiano tanti incentivi e aiuti. - sottolinea - Non si può non restare indignati da questa testimonianza di egoismo e ingratitudine imprenditoriale". "Oggi tornerò a parlare di questa vertenza alla Camera dei Deputati". "La chiusura della Honeywell è una notizia di una gravità assoluta".

"Ora tutti, a partire dalla politica e dal Governo nazionale", - conclude il sindaco - dobbiamo farci carico del presente e del futuro di ogni singola persona che paga le conseguenze di questa infausta scelta, che colpisce al cuore il motore produttivo dell'intero Abruzzo. È quanto afferma il segretario regionale dell'Udc e sindaco di Fossacesia (Chieti), Enrico Di Giuseppantonio, appresa la notizia della chiusura dello stabilimento di Atessa (Chieti). Alla Regione, rivolgo l'appello perché ci si attivi immediatamente per non lasciare da soli i 420 dipendenti.

Share