laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Bologna, uomo si costituisce ai carabinieri. "Ho ucciso io mio padre"

Share
Bologna, uomo si costituisce ai carabinieri. “Ho ucciso io mio padre”

Un uomo di 43 anni è stato sottoposto a fermo dai carabiniere di Bologna dopo essersi presentato ai militari in caserma dicendo di aver ucciso il padre. Ne è prova il fatto che sia stato trovato in possesso di un biglietto aereo, che avallerebbe la possibilità del pericolo di fuga dell'indagato. La morte del genitore risale a settembre 2016, in un paese della provincia di Treviso, ed era stata inizialmente archiviata come una morte naturale.

Il pm Antonella Scandellari ha chiesto la convalida del provvedimento, ora la parola passa al Gip che nelle prossime ore si pronuncerà in merito. Ma i sensi di colpa hanno giocato un ruolo determinante, spingendo Carlo Friserio, che si trovava a Bologna dove l'indomani avrebbe dovuto prendere un volo internazionale, a vuotare il sacco: "Mio padre non è morto per cause naturali - ha detto - L'ho ucciso soffocandolo durante il pasto".

La vicenda, trattata con massimo riserbo dai carabinieri, è comunque tutta da chiarire: saranno necessari accertamenti sulla salma, che dovrà essere in caso riesumata, per comprendere se, effettivamente, le cose siano andate come ha raccontato l'uomo o se a uccidere il padre ultrasettantenne sia stato, come si era creduto fino a sabato, un malore fatale.

Share