laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Scuola. In Emilia-Romagna la dispersione più bassa d'Italia

Share
Dispersione in calo ma resta il divario Nord-Sud

Ma chi sono gli studenti che abbandonano maggiormente la scuola? Questo il quadro che emerge sul fenomeno dalla pubblicazione curata dall'Ufficio Statistica e Studi del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, da oggi disponibile sul sito del Miur.

Le regioni che registrano le più alte percentuali di abbandono sono la Sicilia (1,3%), la Calabria, la Campania e il Lazio con l'1%. La dispersione scolastica colpisce maggiormente i cittadini stranieri rispetto a quelli italiani: 3,3%, contro lo 0,6%. Nel passaggio dall'anno 2015-2016 al 2016-2017, dei 556.598 ragazzi di terza media, 34.286 sono usciti dal sistema scolastico (6,16%), la gran parte passando alla formazione professionale (4,47%), ma l'1,61% abbandonando del tutto.

In particolare, gli studenti stranieri nati all'estero abbandonano nel 4,2% dei casi mentre gli studenti di seconda generazione, ossia nati in Italia, solo nel 2,2% dei casi.

L'abbandono nella scuola di secondo grado è del 4,3% (112.240 ragazzi) ed è elevato soprattutto nel primo anno (7%). Tra le regioni con maggiore abbandono spiccano Sardegna, Campania e Sicilia, con punte rispettivamente del 5,5%, del 5,1% e del 5,0%.

La cabina di regia sta elaborando un rapporto che sarà pronto nel mese di dicembre e sarà uno strumento che mette insieme dati quantitativi e analisi qualitative per elaborare linee di indirizzo e raccomandazioni per l'azione.

Share