laprovinciadelsulcis.com

Scienza

Google chiede agli sviluppatori di giustificare l'accesso ai servizi di accessibilità Android

Share
Update Whats App Messenger Whats App fake Whats App Inc Google Play Store

Da poco più di un mese l'interfaccia utente è stata completamente rinnovata con la versione 2.2 che ha portato numerosi cambiamenti all'interno dell'applicazione.

Secondo AP, Google ha intenzione di scoraggiare l'utilizzo dei servizi di Accessibilità per scopi diversi da quelli a cui sono destinati per ragioni di sicurezza. Il celebre Tasker ad esempio automatizza qualunque tipo di operazione a piacimento dell'utente; Snap Drawer fa apparire a richiesta dall'alto un menu a tendina pieno di widget a scelta; LastPass inserisce da solo le password salvate in precedenza all'interno delle app che le richiedono: sono tutte app estremamente utili che compiono operazioni impossibili senza l'aiuto dei servizi di accessibilità. "La tua applicazione deve rispettare le nostre norme sulle autorizzazioni e i requisiti relativi alla pubblicazione dei dati relativi ai dati utente".

"Azione richiesta: se non lo hai già fatto, devi spiegare agli utenti come l'applicazione utilizza l " android.permission.NOME_PERMESSO.' per aiutare gli utenti con disabilità ad utilizzare dispositivi e applicazioni Android. Le applicazioni che non soddisfano questo requisito entro 30 giorni possono essere rimosse da Google Play. L'applicazione può ora suggerire l'aggiunta di nuovi numeri di telefono alla rubrica in base alla comunicazione degli utenti con essi tramite i servizi Google. Puoi anche decidere di annullare la pubblicazione della tua app. "Le violazioni gravi o ripetute di qualsiasi natura comporteranno la chiusura del tuo account sviluppatore e l'indagine e la possibile chiusura dei collegati account Google".

Insomma, la pulizia e l'ottimizzazione del Google Play Store continua imperterrita da parte del colosso americano.

Share