laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Contatti con Isis per attentato:espulsa

Share
Una ragazza egiziana di 22 anni espulsa da Milano: “In contatto con l'Isis e pronta ad azione suicida”

Milano, la 'trasformazione' di Fatma espulsa perché radicalizzata Galleria fotografica Una 22 enne egiziana e' stata espulsa da Milano perche' considerata radicalizzata e in contatto con i terroristi dello Stato Islamico: la notizia e' stata diffusa dalla questura di Milano in una nota.

Fatma abitava nel quartiere Gratosoglio di Milano insieme ai suoi genitori e a tre fratelli più piccoli. La giovane, in regola con il permesso di soggiorno, era incensurata e senza lavoro.

Secondo le indagini della Digos era in contatto con il membro dell'Isis Al Najjar Abdallah Hasanayn, al quale ha prima chiesto di poter raggiungere la Siria per combattere e, di fronte alle difficoltà del piano, si è detta disponibile a un attentato suicida in Italia, senza mai ricevere risposte. Per gli inquirenti, il suo percorso di radicalizzazione è stato evidente: nel 2013 era occidentalizzata, sia nel vestiario che nel comportamento, mentre durante il periodo delle attività investigative la donna indossava il niqab completo di guanti neri. Non aveva nessun precedente di polizia ed era regolare in Italia. Solo dopo molta insistenza si è decisa a confermare di avere avuto dei contatti virtuali, dei quali però non ha voluto fornire alcun riferimento preciso. A testimonianza della sua intenzione di recarsi in Siria, sul suo tablet sono state trovate diverse scansioni dei documenti di identità e fototessere per realizzare documenti falsi per il viaggio.

Share