laprovinciadelsulcis.com

Sport

Nazionale, "possiamo farcela" (Ventura e Buffon)

Share

Lo scenario che tutti vorremmo vedere è quello della qualificazione ai mondiali del 2018, anche se per ora questa ipotesi è molto dura.

Gara dentro o fuori.

"C'è grande tensione visto il momento". E ancora: "La viviamo come la vigilia di un evento importante, poi ognuno la vive in maniera diversa".

Buffon non usa slogan.

Facile, eh? No, no: è che le vie del math-fixing son veramente infinite, lo sanno anche i sassi sebbene continuino a non dirlo, e quindi non-si-sa-e-non-si-saprà-mai, e non val la pena non solo giocarci un euro (quello non val MAI la pena), ma nemmeno giocarsi un grammo di presunta credibilità.

"In molti momenti dovrei dire, ma sono orgoglioso di allenare la Nazionale, è sempre stato un sogno, sono orgoglioso di fare questo lavoro e c'è la voglia di dare il proprio contributo e noi avremo gioia domani nel passare il turno". "La Svezia di oggi è come quella del passato".

SVEZIA - "La Svezia gioca in un modo consolidato ormai da 20 anni". Piu' o meno le caratteristiche ed il modulo tattico che adopera lo fa da tempo immemore. In certi frangenti, da casa a trasferta, può cambiare qualcosa, ma davvero poco. La vittoria degli scandinavi, frutto di un gol abbastanza fortuito, non è stata certamente meritata, ma quando annaspi su ogni pallone lungo e non sai cosa fare in attacco, l'alibi della sfortuna, per quanto essa sia stata evidente (vedasi palo di Darmian) non regge. "Da come lo affronteremo". Siamo una squadra capace di ribaltare questo risultato, ma non possiamo abituarci alla mediocrità, tutto il movimento non può farlo. Ritrovarsi da subito in un ambiente critico, non porterebbe a nulla di buono.

Fino a settembre il percorso era stato buono, la sconfitta di Madrid ha invertito pericolosamente il trend, ma un secondo posto in un girone dietro la Spagna, era preventivabile. Pochi sono i talenti azzurri che riescono ad imporsi nel mondo del calcio e rendere importante l'aspetto del settore giovanile aiuterebbe i vari club a riconoscere questi futuro campioni che, in futuro, potrebbero contribuire ad eventuali trionfi da parte del club di appartenenza e della propria nazionale, in questo caso quella italiana.

Share