laprovinciadelsulcis.com

Affari

Banche, la Consob accusa Bankitalia: "Su Veneto Banca non indicò problemi"

Share
Banche fallite, Consob contro Bankitalia:

"Le reazioni della Consob - ha spiegato Apponi - dipendono dal tipo di informazioni e dalla convergenza di indizi".

La Banca d'Italia non segnalò alla Consob - Commissione nazionale per le Società e la Borsa - "problemi" di Veneto Banca in vista dell'aumento di capitale del 2013. "L'ispezione si fa quando esistono sufficienti indizi".

Per quanto riguarda la Banca Popolare di Vicenza, al termine dell'ispezione condotta nel 2008 la Consob "non ricevette nessuna informazione da parte di Bankitalia sul prezzo", ha detto Apponi, precisando che fu "trasmessa solo un'informazione sull'operatività di derivati".

Il tema del prezzo delle azioni dell'aumento di capitale lanciato dagli istituti veneti era già stato oggetto di scambio di accuse nel primo intervento in aula che i due avevano avuto le scorse settimane. Dopo una lunga valutazione da parte della Commissione Consob, riferisce Apponi, ci si rese conto che "non c'era una disposizione Ue che ci consentisse di imporre una metodologia di calcolo" per gli scenari probabilistici. I loro interventi, sotto giuramento, hanno quindi valore di testimonianza, esattamente come se si trovassero in un'aula di tribunale.

Mentre è ancora in corso l'audizione di Apponi, alcuni commissari hanno fatto notare che Barbagallo, anche se è uscito dalla stanza, potrebbe ascoltare Apponi tramite la diretta sulla web tv della Camera, ottenendo così un vantaggio per la sua testimonianza. La proposta di secretazione e' stata pero' respinta dalla Commissione e i lavori proseguono, quindi, in forma pubblica. "L'unico modo è secretare la seduta".

Nuovo scontro al vertice nell'aula della Commissione d'inchiesta sulle banche.

Share