laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Migranti: a Palermo arriva la 'nave dei bambini': 241 minori

Share
Migranti domani a Palermo in 606

Domani al porto di Palermo al Molo Quattroventi sbarcheranno 604 migranti soccorsi in questi giorni nel canale di Sicilia, tra i quali 240 minori. A bordo ci sono anche molte donne incinte, almeno 11, di cui 2 al nono mese di gravidanza.

Diversi naufraghi presentano sintomi di malnutrizione e appaiono provati dalla prolungata mancanza di cure, un giovane porta i segni di ferite da arma da fuoco e da machete. Alcune delle donne di origine subsahariana sbarcate dalla nave hanno riferito di essere state ripetutamente violentate e di essere state imprigionate per diversi mesi prima di arrivare a Sabratha. Tra i 241 minori - una cifra record - 178 sono non accompagnati.

Arriveranno a bordo della nave Aquarius di Sos Mediterranee. I profughi provengono da Siria, Egitto, Mali, Costa d'Avorio, Guinea Bissau, Sudan, Marocco, Somalia, Eritrea, Senegal, Camerun, Nigeria, Liberia, Etiopia, Algeria, Ghana, Benin, Gambia, Yemen.

Dure e strazianti le testimonianze dei migranti giunti stamane a Palermo. "In Libia se non sei libico non sei nessuno" ha riferito dopo aver spiegato di essere arrivato nel Paese nel 2012 con la famiglia.

"Alla Aquarius è stato chiesto di intervenire in sette operazioni in 36 ore: cinque salvataggi e due trasferimenti, prima a Est di Tripoli, poi a Ovest, poi di nuovo a Est". Ho lavorato nel settore delle costruzioni in Siria e in Libia ho continuato. "Tanti bambini che sono inconsapevoli vista l'età, ma hanno uno sguardo tra la paura e l'angoscia per quello che li aspetta". In Libia non e' piu' possibile accedere agli ospedali e ai servizi, non c'e' piu' l'economia, non ci sono piu' soldi, ne' lavoro. Tutto ormai ruota intorno al racket e al traffico di esseri umani: "a seconda della tua nazionalita' ti viene chiesta una certa somma di denaro". "Di fronte all'assenza di un adeguato dispositivo di salvataggio istituzionale, Sos Mediterranee continua e continuerà la sua missione in mare durante tutto l'inverno, per il secondo anno consecutivo".

Share