laprovinciadelsulcis.com

Affari

Collegato fiscale: rottamazione-bis con perimetro limitato

Share
Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Il governo è alle battute finali per definire la manovra 2018

Dovrebbe arrivare oggi il via libera del Consiglio dei Ministri al decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018.

Quanto alla Legge di Bilancio, la scadenza per la trasmissione del Draft Budgetary Plan a Bruxelles è il 15 ottobre ma trattandosi di una domenica slitta al 16: qualcuno non esclude che il Cdm possa riunirsi già domenica sera, al rientro di Padoan dagli Usa, ma è più probabile una convocazione lunedì.

Rottamazione bis delle cartelle esattoriali, finanziamento delle missioni internazionali di pace, liquidazione della Croce rossa italiana, rifinanziamento del Fondo di garanzia per le Pmi, fondi per il Bambin Gesù e tasse sospese a Livorno e nei Comuni colpiti dall'alluvione di settembre. Anche perché, da questa seconda edizione del provvedimento ci si attendono circa 1,5 miliardi di euro di maggiori entrate per l'Erario.

Se non lo ha fatto, ora non potrà accedere alla rottamazione-bis. I contribuenti con piani di dilazione in essere alla data del 24 ottobre 2016, non ammessi alla definizione agevolata, a causa del mancato tempestivo pagamento di tutte le rate degli stessi piani scadute al 31 dicembre 2016, potranno presentare domanda entro il 31 dicembre 2017, "con le modalità esclusivamente telematiche e in conformità alla modulistica modello pubblicate" dall'agente della riscossione sul proprio sito internet entro il 31 ottobre 2017. D'altra parte, si apre alla rottamazione delle cartelle consegnate ai contribuenti fino alla fine di settembre 2017, con un calendario d'impegni per i prossimi mesi con la possibilità di pagare in 5 rate di uguale ammontare fino a febbraio 2019. Entrambe le misure potrebbero infatti all'ultimo momento confluire nella manovra, mentre la web tax dovrebbe essere introdotta nell'iter parlamentare.

Share