laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Taranto, Ilva: "Sciopero riuscito". Oggi consiglio di fabbrica per nuove iniziative

Share
Ilva Taranto si stringe attorno al Vescovo Santoro

A preoccupare sono soprattutto le condizioni che dovranno essere accettate da quei lavoratori che passeranno alle dipendenze di Am Investco.

"Il governo è sulla sua linea di sempre ma rispetto all'offerta a mancare non sono i numeri degli esuberi, su cui si può discutere e che fanno parte della trattativa, ma un pezzo dell'impegno che l'acquirente ha preso nei confronti del governo che riguarda i livelli salariali e gli scatti di anzianità su cui non si prevedeva di ripartire da zero ma anzi di mantenere quelli attuali", ha spiegato ancora Calenda che ha ripetuto: "è una proposta irricevibile, un passo indietro".

Assemblea alle 5 del mattino per i lavoratori dello stabilimento Ilva di Genova Cornigliano che protestano contro il piano dell'azienda che prevede 600 esuberi nel solo stabilimento genovese. In attesa di conoscere i risultati del primo incontro di trattativa tra le parti, che il ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha annullato ritenendo inaccettabili le condizioni salariali e contrattuali dei lavoratori, gli operai tarantini, dalle 6, hanno presidiato le portinerie A e D, Tubifici e Imprese. Marco Bentivogli della Fim Cisl commenta che gli operai "hanno ben compreso che le basi su cui si articola il piano industriale vanno radicalmente modificate: è possibile modificare il piano affinché si rilanci la produzione dell'acciaio, si salvaguardi l'ambiente e si escludano licenziamenti". "Tutto il piano industriale va rivisto perché non è un piano che consente un ruolo strategico alla siderurgia in questo paese".

Secondo il sindacato Fiom Cgil lo sciopero spontaneo è avvenuto perchè "in questo modo si vorrebbe procedere all'azzeramento degli accordi vigenti, con licenziamento e assunzioni con il Jobs Act, azzeramento degli istituti contrattuali, discriminazione tra lavoratori e nessuna prospettiva per i lavoratori degli appalti". E' stata avviata una procedura di commissariamento e poi una gara per la riassegnazione dell'azienda. "Gli investimenti che ci siamo impegnati a fare sono cruciali per migliorare la competitività di Ilva".

Il Governo ferma Arcelor Mittal. Nel mirino dell'esecutivo Gentiloni, il documento (concordato con i commissari straordinari) presentato la scorsa settimana da Am Investco (la cordata guidata da Arcelor Mittal) che indica i piani per trasferimento d'azienda connesso all'acquisizione del Gruppo Ilva e delle sue controllate.

Share