Affari

Intesa stanzia 100 milioni per gli azionisti delle Venete

Share
Commissione banche si parte con le venete. E Intesa Sanpaolo pensa agli ex azionisti

Il gruppo Intesa San Paolo ha compiuto un gesto davvero lodevole, mettendo a disposizione un plafond di 100 milioni di euro a beneficio dei clienti del gruppo hanno perso quanto investito in azioni nelle ex banche venete.

Ogni anno l'erogazione, è stato poi spiegato, è subordinata al mantenimento di una relazione di clientela con il gruppo.

Intesa Sanpaolo ha messo sul piatto 100 milioni di euro per "ristorare", termine ormai sempre più in voga, i soci truffati delle ex banche venete. Ogni singolo cliente potrà accedere ad una somma che non potrà superare complessivamente i 15 mila euro.

"L'intervento della nostra banca per rilevare alcune delle attività delle ex banche venete ha permesso di proteggere 50 miliardi di risparmi, di tutelare oltre 2 milioni di clienti, di cui 200.000 imprese, e il lavoro di circa 10.000 persone con le loro famiglie" - dichiara Carlo Messina, consigliere delegato di Intesa Sanpaolo.

I clienti azionisti delle ex banche venete che potranno dimostrare di possedere i requisiti potranno presentare domanda di adesione a partire dall'1 marzo fino al 31 maggio 2018 presso la propria filiale o in un'altra filiale indicata dallo stesso gruppo. Tanto che anche i pluriaffidamenti non verranno toccati. Le erogazioni saranno effettuate mediante l'assegnazione di strumenti finanziari.

Share