laprovinciadelsulcis.com

Esteri

La Russia non accetta una Corea del Nord armata con il nucleare

Share
Trump e Kim Jong Un si scambiano i capelli il risultato è geniale

Le parole di Mattis volevano servire anche a stemperare le ultime dichiarazioni del presidente americano Trump, il quale aveva affermato che la Corea del Nord dovrebbe essere "molto, molto nervosa" nel caso in cui volesse sferrare un attacco agli USA. "Vedo la necessità di un lavoro duraturo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonché una stretta cooperazione tra i paesi coinvolti, in particolare gli Stati Uniti e la Cina". "Vi spazzeremo via - si legge nel testo diffuso dai media Usa - vi cancelleremo dalla faccia della terra". Lavrov ha quindi sottolineato che "la Russia, assieme alla Cina, ha proposto un piano molto ragionevole per il 'doppio congelamento': Kim Jong-un congela ogni test nucleare, ogni lancio di missili balistici, mentre gli Usa e la Corea del Sud congelano le esercitazioni militari su larga scala che sono costantemente usate dalla Corea del Nord come pretesto per effettuare i test missilistici". "Credo - ha proseguito il capo della diplomazia russa - che quando effettivamente si arriva allo scontro, chi è più forte e intelligente debba fare un passo indietro dalla linea di pericolo".

Sale la tensione, per ora solo verbale, tra Stati Uniti e Corea del Nord. Egli ha osservato che la minaccia è costituita anche da eventuali errori di mira: per i missili nordcoreani "la probabilità di errore è abbastanza alta". Trump ricorda in seguito che le forze aeree americane hanno volato sulla penisola coreana il 7 agosto richiamando al fatto che i caccia americani a Guam, l'isola nel Pacifico minacciata da Pyongyang in quanto territorio statunitense, sono pronti a combattere. Il piano definitivo sarà completato entro metà mese e prevede che i vettori sorvolino lo spazio aereo nipponico delle prefetture di Shimane, Hiroshima e Kochi prima di colpire le acque intorno a Guam.

La Corea del Nord è utile per la Cina perché è situata tra Pechino e le forze Usa di stanza in Corea del Sud e nel mare in Giappone. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.

Share