laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Migranti: Msf, rischio sicurezza; sospendiamo attivita'

Share
Msf sospende i salvataggi al largo della Libia

Medici Senza Frontiere ha deciso di "sospendere temporaneamente" le attività di ricerca e soccorso della nave Prudence che opera davanti alle coste della Libia. Lo comunica la stessa Ong, che parla di "rischio sicurezza legato alle minacce pronunciate pubblicamente dalla Guardia Costiera Libica contro le navi di ricerca e soccorso umanitarie impegnate in acque internazionali".

L'allerta è stata comunicata a tutte le imbarcazioni presenti nella Sar Zone nei giorni scorsi e al momento delle navi più grandi dedicate alle operazioni di ricerca e soccorso solo Aquarius è presente nella Sar Zone di fronte alla Libia, mentre le altre imbarcazioni sono ferme nei porti italiani o a Malta.

A riferirlo il presidente dell'associazione, Loris De Filippi: "Stiamo sospendendo le nostre attività di salvataggio in mare a causa del comportamento minaccioso della guardia costiera libica, che riteniamo molto grave. Chi non anneghera' verra' intercettato e riportato in Libia, che sappiamo essere un luogo di assenza di legalita', detenzione arbitraria e violenza estrema". "Questo anche grazie al dispiegamento di navi militari italiane per aumentare la capacità delle guardie costiere libiche di intercettare migranti e rifugiati". "È un attacco inaccettabile alla vita e alla dignità delle persone". L'annuncio della sospensione delle sue operazioni di salvataggio di migranti è stato accompagnato dai responsabili di Medecins sans Frontieres da nuove, forti critiche al codice di condotta voluto da Viminale: "I recenti sviluppi nel Mediterraneo mostrano che il codice di condotta è parte di un disegno più ampio che intende sigillare la costa libica e intrappolare migranti e rifugiati in Libia, gettando via la chiave". Chiediamo alle autorità europee e italiane di smettere di attuare strategie letali di contenimento che intrappolano le persone in un paese in guerra, senza nessuna considerazione dei loro bisogni di protezione e assistenza.

Share