laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Veneto, grave il bilancio del maltempo sul litorale

Share
La shelf cloud del temporale vista da Gabicce Mare

Vigili del fuoco in azione nel pomeriggio di giovedì, a causa del maltempo che si è abbattuto improvvisamente sul litorale veneziano e una tromba d'aria che non ha risparmiato né le spiagge né i centri abitati.

TOSCANA - Temporali brevi ma di forte intensità si sono abbattuti anche su Arezzo e provincia dopo due mesi di siccità.

Di ieri 10 agosto i violenti nubifragi che in molte zone, specie sulla costa del Veneto a Jesolo, hanno provocato molti danni, decine di feriti e una persona dispersa.

VENETO - Un violento nubigrafio ha colpito il Cavallino, un'area a forte concentrazione di campeggi e villaggi vacanze, in questo periodo di "tutto esaurito".

Albarella
Albarella

Il comandante dei vigili di Jesolo, Claudio Vanin parla di "situazione drammatica per la caduta degli alberi sulle strade di tutta Jesolo". All'Aqualandia di Jesolo, dove tutti i presenti sono stati evacuati, è stato necessario l'intervento dei pompieri, così come nella zona dell'ospedale di Jesolo.

Chiamate di soccorso sono arrivate anche da alcune località del Delta del Po, nel rodigino, colpite da una tromba d'aria che ha divelto pini secolari tra Rosolina, Porto Viro. All'interno del polo ospedaliero sono caduti sei alberi e sono state travolte due auto.

Una cinquantina di persone sono ricorse alle cure dei Pronto soccorso degli ospedali della riviera veneziana in seguito al passaggio della tromba d'aria che ha colpito con violenza le zone di Cavallino-Treporti, Caorle, Jesolo e Bibione. Per un campeggio è impossibile eliminare il rischio di caduta, perché le piante sono elemento essenziale: "potature e limitate altezza ci hanno aiutato a scongiurare il peggio". Chi è arrivato in ospedale ha riportato ferite da trauma provocate da oggetti che li hanno investiti. Un disperso, purtroppo, un uomo visto camminare sul molo di Albarella: testimoni hanno raccontato terrorizzati di come una grossa ondata lo abbia inghiottito. Anche nella Bassa Friulana e nella vicina Bibione era stato di emergenza: nella località balneare veneta si era in piena emergenza soprattutto nei camping, mentre a Latisana sono volati anche dei tetti di abitazioni: Vigili del Fuoco, Forze dell'Ordine, 118 e Protezione Civile hanno monitorato la situazione fino a tarda notte. Paura poi per un fulmine che è caduto in campo San Zulian, dietro la basilica di San Marco. Ma i vigili del fuoco non confermano: "Per il momento non abbiamo notizie certe di un disperso ad Albarella" ha dichiarato all'Ansa Paolo Maurizi, responsabile della colonna mobile regionale dei vigili del fuoco di Veneto e Trentino Alto-Adige. A Venezia la potenza della pioggia ha sradicato radicalmente un chiosco-edicola. Interrotta la linea ferroviaria Venezia Trieste, disagi pure sulla Tarvisio Venezia. Lo riferisce Trenitalia. Alcuni treni diretti verso il capoluogo giuliano stanno accumulando ritardi che arrivano a 30 minuti.

Share