laprovinciadelsulcis.com

Intrattenimento

Export Ue: +8,2% nel 2017, a giugno -1%

Share

L'area extra Ue vede una diminuzione dell'1,4%.

Frena l'export a giugno. Tutti i raggruppamenti principali di industrie sono in diminuzione, a eccezione dell'energia (+3,5%). La flessione congiunturale delle importazioni (-2,9%) è determinato dal calo di beni strumentali (-7,8%), prodotti energetici (-2,4%), beni intermedi (-0,8%), beni di consumo durevoli (-4,2%) e beni di consumo non durevoli (-0,5%). Nel secondo trimestre, l' Export aumenta dello 0,6% grazie alla spinta dell'area Ue (+2,3%). Rispetto ai principali mercati di sbocco, si segnala la marcata crescita tendenziale delle esportazioni verso Germania (+8,0%), Francia (+9,0%) e Stati Uniti (+12,4%). Più accidentata sembra la rotta verso i Paesi non europei. L'aumento dell'import (+9,9%) è determinato principalmente dal forte incremento degli acquisti dall'India (+63,9%) e dalla Russia (+42,8%).

Se però si guarda la fotografia con le lenti "tendenziali", cioè di giugno 2017 rispetto allo stesso mese del 2016 la crescita si conferma sostenuta: +8,2%, e riguarda in misura analoga sia l'area extra Ue (+8,3%) sia quella Ue (+8,2%).

Istat comunica che a giugno il saldo della bilancia commerciale italiana ha registrato un avanzo di 4,502 miliardi di euro, a fronte di un surplus di 4,661 miliardi nello stesso mese del 2016.

Share