laprovinciadelsulcis.com

Salute

Meteo Emilia Romagna, ecco l'ondata di caldo più intensa dell'estate

Share
Tanto sole da Nord a Sud

Le regioni del nord Italia invece, rimarranno parzialmente esposte a più fresche e instabili correnti atlantiche, che manterranno le temperature più contenute e favoriranno una fase di instabilità non solo sulle Alpi ma anche nelle zone pianeggianti. Insomma, sarà una prima decade di agosto da ricordare. In particolare si raccomanda di limitare le attività all'aperto per evitare che l'ondata di calore possa avere effetti sulla salute.

Una via di uscita forse da martedì 8 agosto in poi, approfondiremo con eventuali novità nell'aggiornamento serale.

Temperature anche oltre i 40 gradi in molte parti d'Italia.

Scarse le piogge. Luglio chiude con un bilancio di precipitazioni di 6.3 mm raccolti nella stazione storica di Modena.

Prevedibilmente, l'ondata di caldo, coinvolgerà domani le città di Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso, alle quali dopodomani si aggiungeranno altre 12 citta': Bari; Bologna; Bolzano; Brescia; Cagliari; Firenze; Latina; Milano; Napoli; Perugia; Rieti e Viterbo. Per il resto, non ci rimane che incrociare le dita ed aspettare che anche questa "prova del fuoco" ci lasci indenni e che Caronte se ne torni definitivamente nel continente africano anche perché, qui, di clima rovente ne abbiamo già abbastanza e non solo sotto l'aspetto meteorologico! E' la previsione della redazione di iLMeteo.it, che annuncia per oggi una giornata di sole su pressoche' tutto il Paese, salvo un po' di nubi basse al mattino sull'Alto Tirreno e, nel corso della giornata, verso il nord Appennino e il medio Adriatico.

Domani Catania è tra le città che registreranno temperature elevate, vicine al livello da "bollino rosso". Non sono infatti da escludersi picchi anche di 40-41°C. Ancora vaga la durata di questa "ondata", che comunque sarà di almeno 5-6 giorni con temperature prossime ai 40°C.

Tale situazione è insomma la manifestazione più eclatante di quella mancanza di "zonalità", cioè la crisi della vecchia circolazione oceanica che un tempo, durante il periodo estivo, era scandita dall'espansione dell'anticiclone delle Azzorre.

Share