laprovinciadelsulcis.com

Sport

Nuoto, bene gli azzurri. Avanti Codia e la staffetta 4x200

Share

Ottavo tempo (e sedicesimo totale) per Silvia Di Pietro, che resta fuori dalla finale dei 50 farfalla.

Mattina positiva per l'Italia con tutti gli azzurri che superano le insidie delle batterie. Sgretolato il precedente primato nazionale che lo stesso Codia aveva ottenuto il 20 aprile dello scorso anno in occasione dei campionati assoluti indoor a Riccione. "Ero vicino a Dressel che ha nuotato sotto i 51 e ho fatto bene a seguirlo".

LA PALLANUOTO - E' solo per un piazzamento ma il Settebello si aggiudica la semifinale per il quinto posto battendo l'Australia per 8-4: ottima prova di Figlioli e Di Fulvio, autori di una doppietta a testa, e anche di Tempesti, che si riscatta dopo le tante critiche piovute sulle sue ultime prestazioni. Margherita Panziera (200 dorso): tutti qualificati nelle rispettive gare per le semifinali di questa sera.

Il programma si apre alle 9:30, e nella sessione l'Italia c'è eccome: innanzitutto con Simona Quadarella, la diciottenne romana che è impegnata negli 800 stile libero (finale in programma sabato) e va a caccia del bis a podio dopo il bronzo nei 1500. Gli azzurri della 4x200 entrano in finale con il quinto tempo, 7'09 " 53. Stavolta non sarà affatto semplice: Katie Ledecky, che nel frattempo si è presa anche l'oro con la 4x200 (salendo a quattro ori e un argento qui a Budapest), farà corsa da sola e alle sue spalle ci sono tre-quattro nuotatrici da temere, compresa quella Mireia Belmonte Garcia che ieri è stata campionessa nei 200 farfalla. Comincia Filippo Megli con 1'47 " 59, proseguono Filippo Magnini con 1'47 " 35 e Luca Dotto con 1'47 " 64, chiude il neocampione del mondo degli 800 stile libero Gabriele Detti in 1'46 " 95. "E' andata veramente bene anche se le sensazioni nel riscaldamento non erano così buone", ha commentato l'azzurra.

Share