laprovinciadelsulcis.com

Italia

Henry John Woodcock è indagato dalla Procura di Roma

Share
Consip: Scafarto chiede di trasferire inchiesta'Competenza territoriale a Napoli o Firenze'

"Oggi il Fatto quotidiano dedica un articolo molto interessante al pubblico ministero Woodcock, "l'ultimo nemico pubblico nel Paese dei furfanti". La conduttrice di "Chi l'ha visto?" avrebbe fatto da tramite per il passaggio di informazioni tra Woodcock e il giornalista del Fatto Quotidiano.

Per la presunta fuga di notizie riservate relative all'inchiesta Consip, insieme al pm Woodcock è indagata dalla procura di Roma anche la giornalista Federica Sciarelli, nota conduttrice del programma televisivo "Chi l'ha visto?". Secondo quanto si apprende, il magistrato potrebbe essere sentito nei prossimi giorni dai magistrati romani che si occupano del fascicolo.

Continua scrivendo che l'ultima chiamata fatte alla Sciarelli sono del 20 dicembre, tuttavia non avevano parlato della Consip, poiché Federica Sciarelli al telefono avrebbe detto: "Quello mi dice un sacco di cazzate quando deve coprire il segreto su una sua indagine", dopo che il giornalista aveva domandato alla Sciarelli dove si trovasse Woodcock.

E' stato Marco Lillo sul Fatto Quotidiano a svelare l'esistenza dell'inchiesta sulla Consip nonché l'indagine a carico dell'ex sottosegretario di Matteo Renzi a Palazzo Chigi e dei due alti ufficiali dei carabinieri. "Ho piena fiducia nei miei colleghi di Roma, sono certo che verificheranno scrupolosamente ogni aspetto di questa vicenda e che quindi potrò dimostrare la mia totale estraneità", ha dichiarato alla Stampa il pm partenopeo, convocato per il giorno 7 luglio e che intenderebbe però chiedere di essere interrogato prima di quella data proprio per chiarire definitivamente la sua posizione.

A Sciarelli, amica di vecchia data del magistrato napoletano, è imputato il reato di concorso in rivelazione di segreto. "Ha fiducia e non può essere altrimenti - ha aggiunto - è un magistrato e come tale non può che avere fiducia nel sistema". Non è giusto. Il pm Henry John Woodcock finirà su tutti i giornali come sospetto artefice della fuga di notizie.

Share