laprovinciadelsulcis.com

Affari

Confindustria rialza le stime sul Pil italiano, +1,3% nel 2017

Share
Pil in Italia nel 2017 va meglio

Quanto alla distanza dell'Italia dall'Ue, il Csc spiega come "il differenziale di crescita con il resto dei paesi dell'euro si dimezza" tra il 2015 e il 2017-2018. Ma il lavoro rimane la nota dolente.

Però "non bisogna dimenticare" che in Italia ci sono "7,7 milioni di persone cui manca il lavoro, in tutto o in parte", ricorda il Csc nel rapporto sugli scenari economici. E le stime non sono tra le migliori per il futuro.

L'allungamento dell'orario di lavoro smorza l'sumento degli occupati Il rientro dagli stati di crisi e il ritorno dal part time al tempo pieno stanno determinando un "allungamento degli orari di lavoro", tagliati durante la recessione, con la conseguenza - segnala il rapporto - che il numero di persone occupate crescerà a "ritmo smorzato". Nel 2017 e nel 2018 l'occupazione rallenterà allo 0,9 e allo 0,8%.

Sul fronte dei conti pubblici, la discesa del deficit è lenta: è previsto un indebolimento del PIL al 2,3% quest'anno e al 2,4% nel 2018 (al lordo delle clausole di salvaguardia che valgono 0,9 punti di Pil). Inoltre per il Csc l'erogazione del credito alle imprese resta "ancora debole". "Abbiamo avuto un incremento del Pil piu' elevato rispetto alle attese, ma possiamo fare di piu' e dobbiamo fare molto di più", ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Numeri che, prosegue Boccia, mettono l'accento sulle "nostre potenzialità: non dobbiamo appiattirci sul presente". La maggiore crescita "è la chiave di volta anche per abbassare il debito, oltre che, e soprattutto, per innalzare il benessere e ridurre la povertà". Per "aumentare la legittimazione democratica dell'Unione" Confindustria propone che quattro funzioni siano cedute dagli Stati all'Europa: le Relazioni internazionali; la sicurezza e difesa; il controllo delle frontiere e le politiche migratorie; l'adozione di un bilancio comune solo dell'Eurozona che protegga i cittadini dal rischio disoccupazione e finanzi investimenti.

Share