laprovinciadelsulcis.com

Italia

Cnn, "fake news" sul Russiagate. Tre giornalisti costretti a dimettersi

Share
Usa falso scoop Scaramucci-Russiagate alla Cnn cadono 3 teste

A dimettersi sono stati l'autore Thomas Frank (candidato in passato al premio Pulitzer), Eric Lichtblau (ex 'New York Times' e Pulitzer nel 2006) e Lex Haris, a capo del team investigativo della Cnn. La CNN ha rivisto la storia perché l'ha considerata debole, l'ha cancellata, e i tre giornalisti che se n'erano occupati si sono licenziati.

Tre giornalisti di punta della Cnn hanno rassegnato le dimissioni dopo che l' emittente è stata costretta a ritrattare un articolo che riguardava un manager vicino al presidente Donald Trump e a presentare le proprie scuse.

Per la Cnn si tratta di uno scivolone tremendo, una vicenda che tutto sommato dà ragione allo stesso Trump, che più volte aveva accusato l'emittente di diffondere "fake news" contro la sua presidenza.

Il presidente Trump, ha commentato con un semplice tweet "Wow!", esprimendo con un'unica espressione tutta la soddisfazione per la retromarcia della Cnn. What about all the other phony stories they do?

Il pezzo, secondo quanto trapelato in seguito, sarebbe stato pubblicato senza il preventivo controllo da parte dello staff legale, aggirando quindi le procedure standard per la verifica dei fatti abbastanza rigorose nel mitico giornalismo americano. "La Cnn si scusa con il signor Scaramucci", è stato scritto sabato. Premiato quest'anno dalla National Italian American Foundation, Scaramucci è stato anche il fondatore di SkyBridge Capital e co-conduttore di Wall Street Week, trasmissione di successo in onda su Fox Business Network. E venerdì sera, dopo che la Cnn aveva verificato che le procedure editoriali non erano state seguite, l'articolo è stato ritirato.

Share