laprovinciadelsulcis.com

Intrattenimento

Addio a Carla Fendi

Share
Le sorelle Fendi nel loro atelier in via Borgognona da sinistra Anna Franca Paola Carla e Alda in una immagine di archivio

Combattiva e determinata, Carla Fendi era nota anche per il suo supporto all'artigianato, alle arti ed al sociale, i tre punti cardini su cui aveva creato la Fondazione che portava il suo stesso nome. La notizia, rimbalzata al 'suo' Festival di Spoleto, lascia tutti senza parole. "Se oggi Spoleto è più bella lo dobbiamo anche a lei". L'ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, ricorda le esperienze condivise con lei e che definisce meravigliose. Entrò nell'azienda di famiglia dopo gli studi classici, alla fine degli anni Cinquanta. Ma subito si fa riconosce per il suo talento, che la distinguerà per tutta la sua carriera e vita. Nel corso del tempo, il suo ruolo all'interno dell'azienda di famiglia cambia spessissimo: prima in amministrazione, poi alla progettazione degli abiti; dagli anni sessanta, invece, si dedicherà al reparto pubbliche relazioni specializzandosi soprattutto sui rapporti col mercato americano. Ma il successo non tarda a venire, e il marchio Fendi ben presto diverrà conosciuto in tutto il mondo. Profondo il cordoglio da parte delle istituzioni del capoluogo umbro che con la morte della Fendi perde una delle sue più importanti guide e forze trainanti.

Siamo come le cinque dita di una mano, diceva sempre nostra madre, ognuna ha la sua funzione.

Nel 2007 nacque la Fondazione Carla Fendi, con sede a Roma a un passo dalla sua casa e dallo storico store di Largo Goldoni. La Fondazione negli anni ha promosso eventi e supportato progetti nell'ambito della difesa ambientale.

Le sue azioni, come sottolineava Carla Fendi, erano "operazioni di puro mecenatismo, non sponsorizzazioni".

Quando le 5 sorelle Fendi ereditarono il marchio, si pose il problema: nessuna delle sorelle sapeva disegnare, e bisognava ingaggiare uno stilista esterno. Con l'amore della sua vita, come l'aveva spesso definito, aveva condiviso 50 anni della sua vita, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 2013 in seguito ad una breve malattia.

Share