laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Parigi, spari sugli Champs-Élysées: zona evacuata. Morti poliziotto e aggressore

Share
Tutti i dettagli sull'attentato terroristico a Parigi

Torna l'incubo terrorismo a Parigi, in concomitanza dell'ultimo confronto tra tutti i candidati alle prossime presidenziali in vista del voto previsto per domenica: nella serata di giovedì 20 aprile, stando alle prime ricostruzioni, due uomini hanno sparato colpi di kalashnikov sugli Champs Elysees uccidendo un poliziotto e ferendone gravemente un altro.

Verso le nove e dieci della sera di giovedì c'è stata una sparatoria sugli Champs-Élysées a Parigi. Noa, che lavora in una farmacia proprio sugli Champs-Elysées, ha raccontato di aver sentito "un colpo, poi un grande movimento di folla".

Durante il confronto televisivo, quando ancora non era stata data la notizia dell'attacco, la prima a trattare l'argomento è stata ancora una volta Marine Le Pen, che ha fatto della sicurezza e della lotta al terrorismo i due cavalli di battaglia del suo programma.

L'attentatore sarebbe noto dalle forze dell'ordine francesi, che lo avevano schedato come: individuo radicalizzato a rischio di perpetrare attentati.

Sparatoria sugli Champs Elysées a Parigi. Le immagini trasmesse dalle reti tv mostrano la zona presidiata da decine di veicoli della polizia. Chiuse la stazione della metropolitana Franklin Roosevelt e George V.

Quanto sta succedendo in Francia in questo momento, o in altre parti del mondo da più di qualche mese, di qualche settimana, dovrebbe indicarci di diventare comprensibilmente più buoni, migliori cittadini, saggi protagonisti in un periodo storico di epocali proporzioni. L'operazione di polizia è ancora in corso. Uno degli agenti sarebbe morto sul colpo, l'altro è gravissimo. Ma, secondo alcuni testimoni citati da 'Bfmtv', gli aggressori sarebbero stati due. L'uomo in fuga si sarebbe nascosto in un garage della zona.

Share