laprovinciadelsulcis.com

Salute

Killer Budrio, continua la caccia: trovata traccia recente

Share
Killer Budrio, continua la caccia: trovata traccia recente

Nel primo pomeriggio di ieri, infatti, un enorme dispiegamento di uomini è stato coinvolto in un blitz all'interno di una casa nelle campagne del Ferrarese. I cani molecolari, dalla casa abitata da una decina di famiglie una di italiani, le altre straniere (tutte evacuate), si sono poi messi a seguire delle tracce puntando verso la campagna. L'arrivo di numerose pattuglie dei Carabinieri ha portato a chiudere le strade circostanti l'abitazione finita sotto la lente di ingrandimento da parte degli inquirenti a caccia di Igor Vaclavic. Il quale aggiunge un particolare horror: "Si ciba non solo di frutta e ostaggi rubati, ma anche di animali domestici".

Militari e carabinieri hanno effettuato un sopralluogo in un casolare in località Molinella, nel Bolognese, il cuore delle ricerche, individando - si apprende - un indizio "fresco" che indicherebbe un recente passaggio del ricercato. A completare l'ampia squadra al lavoro anche i cacciatori di Calabria. Le impronte digitali isolate corrispondono a quelle presenti negli archivi delle forze dell'ordine e associate agli alias del serbo 41enne, conosciuto come Norbert Feher oppure Igor Vaclavic. Intanto Marco Ravaglia, la guardia provinciale di 54 anni rimasta ferita a Portomaggiore, ha subito il terzo intervento chirurgico, per l'estrazione dell'ultimo proiettile che si è fermato nel suo corpo, quello che lo ha attinto alla spalla. "Speravamo in una cattura in tempi più brevi - ha detto ieri il sindaco di Budrio Giulio Pierini -. Lo sperava la famiglia Fabbri", ha commentato Pierini. Il colonnello aggiunge che stanno facendo il possibile per rintracciarlo, continuando a monitorare i territori della Bassa al confine tra Bologna e Ferrara ed inviando tracce eventuali del ricercato ai Ris. In realtà, lo stesso comandante che coordina le operazioni nei giorni scorsi aveva fatto sapere come le ricerche si sarebbero potute prolungare per almeno due settimane.

Fuggitivo che, oltre che armato e pericoloso, sarebbe anche ferito e dunque vulnerabile. "E quindi su questo continuiamo a batterci ma senza richiamare un'idea di giustizia fai da te", ha chiosato.

Share