laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Attentato a Parigi, spari agli Champs Elysees

Share
Sparatoria a Parigi ucciso un agente di polizia

Verso le nove di questa sera almeno due uomini armati di kalashnikov hanno sparato nei pressi degli Champs Elysees.

"L'obiettivo dell'attacco sugli Champs-Elysées era la polizia", ha detto il portavoce del ministero dell'Interno, Pierre Henry-Brandet. Anche l'assalitore è stato ucciso. Il presidente Francois Hollande ha indetto una riunione di emergenza per venerdì mattina alle 8. "L'assalitore ha poi cercato di fuggire a piedi, prima di venire abbattuto".

Ora è caccia all'uomo, si pensa che il terrorista sia nascosto in qualche garage della zona. Il killer è stato a sua volta eliminato ma secondo testimoni locali citati dai media francesi un secondo aggressore sarebbe riuscito a darsi alla fuga. Questo il motivo per il quale tutta la zona resta blindata, accessibile soltanto alla polizia. Un elicottero sorvola la zona a bassa quota. Bloccata anche la metropolitana. Il ministero dell'Interno ha reso noto che sono in corso operazioni di sminamento della sua auto. L'attacco avviene in un momento estremamente delicato per il Paese e l'Europa: domenica 23 aprile i francesi si recheranno alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali.

Attentato terroristico a Parigi che torna dunque a vivere momenti di panico dopo quelli del Bataclan.

Solamente due giorni fa a Marsiglia la gendarmeria aveva arrestato due cittadini francesi vicini agli integralisti islamici sospettati di avere in programma un attentato. Lo riporta il sito del quotidiano Le Parisien. I due sono arrivati sul posto in auto e immediatamente l'uomo deceduto, appena sceso dalla vettura, ha cominciato a sparare contro un camioncino della Polizia.

Share