laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Anpi. Corteo 25 aprile, da Parco Montagnola a Porta San Paolo

Share
25 Aprile, corteo a Milano. Anpi:

E, intanto, il corteo dell'Anpi cambia percorso: non partirà più dal Colosseo, ma dal parco dei Caduti della Montagnola, arrivando sempre a Porta San Paolo passando attraverso quartieri popolari e popolosi come Ostiense e Garbatella.

Liberi tutti è una drammaturgia costruita in parte su testimonianze scritte sulla storia di quella fetta d'Italia (l'Ossola) liberata un anno prima della Liberazione, e che si diede - per prima - un governo democratico.

Invece per il deputato dem Emanuele Fiano, di origini ebraiche, l'assenza della comunità ebraica è "una ferita profonda".

L'Anpi Roma, l'associazione dei partigiani, ha ricevuto un secco rifiuto da parte della Comunità ebraica, evidentemente contrariata per l'invito alla comunità palestinese e comunque risentita per i non buoni rapporti con l'Anpi. Il Pd ha preferito declinare l'invito a partecipare. "Per non parlare delle ripetute aggressioni, avvenute negli anni passati, ai danni dei rappresentanti della Brigata Ebraica". "L'Anpi che paragona la comunità ebraica di Roma a una comunità straniera è fuori dalla storia e non rappresenta più i veri partigiani", è il duro commento della presidente, Ruth Dureghello, che annuncia una manifestazione parallela di fronte a quella che fu la sede della Brigata Ebraica.

Varese - Sono state presentate questa mattina le iniziative che si svolgeranno a Varese in occasione delle celebrazioni del 25 aprile. "Ci auguriamo che si possa arrivare a una soluzione", ha spiegato infatti il segretario romano dell'Anpi, Fabrizio De Sanctis.

"Arrendersi o perire!". La parola d'ordine intimata dai partigiani riecheggiava nel Nord Italia in quel 25 aprile del 1945, quando il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), proclamò l'insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti.

Il Pd a sua volta invierà dei rappresentanti nei luoghi simbolo della Resistenza come via Tasso e le Fosse Ardeatine, ma anche all'incontro programmato dalla Comunità ebraica.

Un altro 25 aprile di polemiche e divisioni a Roma, con la festa della Liberazione dal nazifascismo che non sarà celebrata in modo unitario.

"Varese è dalla parte della libertà, della Costituzione e della democrazia - ha detto il sindaco Davide Galimberti - diritti che abbiamo conquistato grazie alle azioni di tante persone che, anche con la loro vita, ci hanno consegnato le chiavi del nostro futuro".

Share