laprovinciadelsulcis.com

Affari

Referendum Alitalia, cosa succede se vince il SI o il NO

Share
Alitalia. I lavoratori alzino la testa tra manager incapaci sindacati compiacenti e politiche assenti

Un piano, definito da molti lacrime e sangue ma necessario, deciso dall'azienda dopo la mediazione in extremis del governo e condiviso con i sindacati, che, numeri alla mano, prevede 1.700 esuberi (i vertici della compagnia ne aveva chiesti 2.037): tra loro 980 lavoratori a tempo indeterminato potranno usufruire della cassa integrazione a rotazione, mentre futuro nerisismo per i 600 contratti a tempo determinato, che non verranno rinnovati e per i 140 lavoratori che saranno licenziati tra i dipendenti delle sedi estere.

La Uiltrasporti non si schiera a favore o contro il referendum Alitalia ma "lascia il voto alla libera coscienza di ogni lavoratore".

La verifica dell'esito del referendum, dal quale dipende la firma dell'accordo per il salvataggio di Alitalia, è già stata fissata per il 26 aprile al ministero dello Sviluppo Economico. Lo ha reso noto il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, al termine di una riunione intersindacale. Per la consultazione non è previsto il raggiungimento del quorum. "Noi abbiamo fatto il possibile e ora la parola passa ai lavoratori". Secondo quanto si apprende da fonti sindacali, la commissione elettorale nazionale, al momento ancora riunita nella sede della Filt Cgil di Roma, ha stabilito che le votazioni inizieranno domani - dalle 11 fino alle 21 - e si concluderanno il 24 aprile alle 16.

L'intesa prevede anche un sostanzioso taglio del costo del lavoro: rispetto alla richiesta di una riduzione degli stipendi che, inizialmente, oscillava tra il 24% e il 30%, i dipendenti subiranno una sforbiciata in media dell'8%. Saranno allestiti sette seggi: cinque a Fiumicino, uno a Linate e un altro a Malpensa.

Perché Calenda è fermo nelle sue posizioni: "Se dovesse prevalere il "no" ci sarebbe solo un brevissimo periodo di amministrazione straordinaria, circa 6 mesi, e poi l'accompagnamento verso la liquidazione della compagnia".

Share