laprovinciadelsulcis.com

Salute

Ivrea, tribunale riconosce: Uso scorretto cellulare fa venire il cancro

Share
Ivrea, tribunale riconosce: Uso scorretto cellulare fa venire il cancro

A differenza del caso del singor Roberto Romeo, quindi, i giudizi a favore del signor Innocente Marcolini "muovevano da una prima sentenza che era negativa" osserva l'avvocato Stefano Bertone, aggiungendo: "Quindi l'evoluzione scientifica e gli avanzamenti sulle maggiori sicurezze che purtroppo ci sono di questi tipi di relazioni fanno sì che un tribunale in prima istanza, sulla base di una consulenza tecnica, riconosca un legame causale" tra tumore ed uso del cellulare. "Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l'uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello - spiegano i due avvocati -".

Il telefonino può causare il cancro al cervello, una sentenza del Tribunale di Ivrea ha condannato l'Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale al dipendente di una azienda cui è stato diagnosticato il tumore dopo che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezioni.

Lo storico verdetto è stato pronunciato lo scorso 30 marzo. "Per fortuna si tratta di un tumore benigno, ma comunque invalidante".

L'effetto cancerogeno delle onde elettromagnetiche del telefonino era già stato riconosciuto sin dal 2011 dalla Iarc che aveva inserito questo dispositivo nella categoria 2b. Inoltre, in collaborazione con l'associazione Apple, hanno lanciato una piattaforma (neurinomi.info) dedicata a coloro che sono o sono stati affetti da neurinoma e hanno fatto uso consistente di telefono cellulare, oltre a dare informazioni sull'uso dei cellulari. "Non voglio demonizzare l'uso del cellulare ma credo sia necessario farne un uso corretto e consapevole".

"Per 15 anni ho utilizzato 3-4 ore al giorno il cellulare, poi, nel 2010, mi sono accorto che avevo l'orecchio tappato - racconta Romeo -". "All'improvviso ho iniziato ad avere la sensazione di avere le orecchie tappati. Ho subito l'asportazione del nervo acustico e oggi non sento piu' dall'orecchio destro".

Share