laprovinciadelsulcis.com

Scienza

Un asteroide "sfiorerà" la Terra il 19 aprile

Share
Un asteroide

Un approccio simile si verificherà nel 2027, quando l'asteroide 1999 AN10 di 800 metri di diametro, si avvicinerà alla Terra a una distanza lunare, vale a dire a circa 380 mila chilometri dal nostro pianeta. Una delle caratteristiche di 2014 JO25 è la sua superficie, più riflettente rispetto a quella della Luna. Certo, se dovesse impattare con il nostro pianeta, allora sì che sarebbe un guaio ma, per nostra fortuna, l'asteroide transiterà alla bellezza di 1,8 milioni di chilometri dalla Terra.

L'asteroide 2014 JO25, come suggerisce il nome, è stato scoperto solo tre anni fa, grazie al lavoro degli astronomi dell'Università dell'Arizona impegnati nel Catalina Sky Survey, uno dei programmi della NASA per monitorare i cosiddetti NEO (near-Earth object), ovvero tutti gli oggetti celesti che transitano nel Sistema solare e che possono intercettare la traiettoria della Terra, rappresentando un potenziale pericolo.

Di asteroidi che sfiorano il nostro pianeta nei loro passaggi ce ne sono davvero tanti, e spesso non lo sappiamo o non ce ne rendiamo conto.

Stando alle indicazioni della NASA si muoverà verso il nostro pianeta dalla direzione del Sole e sarà visibile tramite telescopio durante le ore notturne tra il 19 e il 21 aprile per poi scomparire. L'asteroide denominato 2014 JO25, del diametro stimato di circa 650 metri, passerà alla distanza di sicurezza di 1,8 milioni di chilometri, cioè a 4,6 volte la distanza media che separa la Terra dalla Luna.

La visita di questo enorme sasso spaziale desterà soprattutto curiosità: "L'ultimo asteroide di dimensioni simili - spiega Masi - era passato vicino alla Terra nel 2004, si chiamava Toutatis e aveva un diametro di 5,4 chilometri". L'asteroide del 19 aprile invece lo rivedremo dalle nostre parti non prima di 500 anni.

Share