laprovinciadelsulcis.com

Esteri

Inchiesta Consip, arrestato imprenditore Romeo

Share

Il motivo dell'arresto sarebbe relativo a corruzione nell'ambito dell'inchiesta Consip. Il provvedimento di arresto di Alfredo Romeo è stato finalizzato tra gli altri dal comando Carabinieri tutela ambiente, dai militari dell'Arma di Napoli e dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Napoli.

Nei confronti di Romeo il gip del tribunale di Roma ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Arrestato Alfredo Romeo- Nell'ambito della stessa operazione delle forze dell'ordine sempre questa mattina è stata perquisita l'abitazione dell'onorevole Italo Bocchino. Un affare da 2,7 miliardi di euro totali in due anni e mezzo diviso in lotti: Alfredo Romeo sarebbe stato in prima fila per un bando da 700 milioni.

Luca Lotti e Tullio Del Sette risultano iscritti nel registro degli indagati presunta rivelazione del segreto d'ufficio: avrebbero avvisato i vertici di Consip dell'esistenza di una indagine penale della Procura di Napoli.

Nei confronti dell'imprenditore, secondo quando si apprende da fonti qualificate, è stato anche disposto il sequestro patrimoniale di 100 mila euro: secondo gli investigatori di Carabinieri e Guardia di Finanza e gli inquirenti della procura di Roma, si tratta del provento della corruzione di un dirigente della Consip. In particolare negli atti è scritto che "Gasparri, nella sua qualità di dirigente apicale della centrale acquisti Consip (segnatamente nella sua qualità di direttore Sourcing Servizi & Utility), in concorso con altri e con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso (.) per esercitare la sua menzionata funzione e i relativi poteri (con l'adozione di atti e attività espressione di tale funzione), ponendo in essere, indebitamente, una serie di atti contrari ai suoi doveri d'ufficio", avrebbe creato un vantaggio "alle società di servizi di Romeo". Inizialmente i pm napoletani indagavano sul presunto collegamento di alcuni dipendenti dell'impresa di pulizie che fa capo a Romeo con i clan della camorra.

Share