laprovinciadelsulcis.com

Italia

Processo Grandi Rischi bis. Assolto Guido Bertolaso perchè "il fatto non sussiste"

Share

Quattro anni dopo, oggi, non c'era rimasto quasi più nessuno, nel tribunale nel frattempo riparato in via XX settembre, a sentire il giudice Giuseppe Grieco assolvere Guido Bertolaso dall'accusa di essere stato il mandante di quella riunione. E riferendosi alla ricostruzione post-sisma quando la gestione era nelle mani della Protezione civile ha aggiunto: "Dopo che sulla vicenda aquilana si e' gettato fango per tanti anni - ha sottolineato - adesso spero che qualcuno davvero abbia voglia di ristabilire quelli che sono stati i fatti di un intervento, di un'operazione che e' stata unica nella storia del nostro Paese". L'avvocato Angelo Colagrande non ha trattenuto le lacrime: "Neanche uno...neanche un solo giorno di condanna. Invece siamo alla vecchia insufficienza di prove". Se quel tecnico avesse detto il contrario ci sarebbe stato un altro giudice che lo avrebbe accusato di procurato allarme.

Poi tutti assolti tranne De Bernardinis. E aggiunge: "oggi è stata scritta una pagina di verità e di giustizia". Restano i morti e resta la vita dei sopravvissuti che è cambiata per sempre. "Con buona pace del Movimento 5 Stelle, il quale, con un evidente doppiopesismo, non fa valere nei confronti dell'assessore Muraro ciò che sguaiatamente e strumentalmente ha urlato contro Bertolaso E con buona pace anche di chi nel centrodestra ne ha ostacolato la candidatura a sindaco", ha commentato senatore di Forza Italia, Francesco Nitto Palma. "A ogni modo la città sa bene come sono andate le cose". Furono le sue parole, motivarono i giudici d'appello nella sentenza, furono "negligenti" e "imprudenti", in un'intervista concessa, peraltro, prima e non dopo la riunione della commissione che poi finì sotto accusa. Inizialmente dunque l'inchiesta coinvolse tutta la commissione della quale erano componenti Franco Barberi, all'epoca vicepresidente vicario della commissione ed ex capo della Protezione Civile, Enzo Boschi, allora presidente dell'Istituto nazionale di geofisica, Giulio Selvaggi, capo del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre, Claudio Eva, docente di fisica all'Università di Genova, e Matteo Dolce, direttore dell'Ufficio rischio sismico della Protezione Civile.

Share